Federico Clapis, da dottore sul web ad artista nella vita

L’appuntamento è alle 17.30 al civico 39 di una via centrale di Milano.
Conosco Federico Clapis da sempre. O almeno mi sembra. Non ci siamo mai incontrati, ma negli anni ho seguito con passione, interesse e curiosità il fenomeno web che porta il suo nome. In sostanza sono uno degli 839.615 like su Facebook, uno dei 134.000 follower su Instagram e una delle milioni di visualizzazioni che i suoi video hanno fatto su Youtube. Insomma, sarà la stessa città, gli stessi Anni ’90 vissuti alla scoperta di internet, sarà lo stesso nome, ma io Federico Clapis sento di conoscerlo da una vita.
Arrivato al citofono, inizio a fissarlo spasmodicamente alla ricerca di un indizio.
Dì la verità: speravi di veder scritto Clapis? Sto cazzo!”.

Continua a leggere

Matteo Brucato, viaggio tra Milos Krasic, Caronte, e Cose molto Tumblr

Chi di noi non hai mai passato qualche minuto – o qualche ora – navigando tra contenuti ironici su Facebook? Diciamolo, il video demenziale o l’immagine senza senso hanno sempre il loro fascino, al punto che le pagine che propongono tali contenuti sono seguitissime e hanno un numero di followers enorme. C’è qualcosa che fa sì che, nonostante gli impegni o gli appuntamenti improrogabili, rimaniamo spesso attaccati al monitor di un computer o allo schermo dello smartphone in cerca di una risata o di uno scandalo. Continua a leggere

Fabio Rovazzi, talento, creatività e passione al servizio del web

L’avete visto correre nudo per Milano con Rocco Siffredi e Fedez nel video musicale di “Non c’è due senza trash”, ve lo siete ritrovati su RaiDue con J-Ax a Sorci Verdi, la sua pagina Facebook conta più di 120mila like. Stiamo parlando di Fabio Rovazzi, giovane web-star con una spiccata propensione al viral e dalla creatività fuori dal comune. Continua a leggere

Max Sardella, calciatori e social network: la comunicazione 3.0

“Imparerete ad assaporare parole e linguaggio. Qualunque cosa si dica in giro, parole e idee possono cambiare il mondo”. Era il 1989 e il professore John Keating, interpretato da un indimenticabile Robin Williams, nel film “L’attimo fuggente”, parlava così alla propria classe del collegio maschile di Welton, intimando ai ragazzi di “cogliere l’attimo” e di non sprecare nessuna occasione valida per rendere straordinaria la propria vita. Continua a leggere