Federico Clapis, da dottore sul web ad artista nella vita

L’appuntamento è alle 17.30 al civico 39 di una via centrale di Milano.
Conosco Federico Clapis da sempre. O almeno mi sembra. Non ci siamo mai incontrati, ma negli anni ho seguito con passione, interesse e curiosità il fenomeno web che porta il suo nome. In sostanza sono uno degli 839.615 like su Facebook, uno dei 134.000 follower su Instagram e una delle milioni di visualizzazioni che i suoi video hanno fatto su Youtube. Insomma, sarà la stessa città, gli stessi Anni ’90 vissuti alla scoperta di internet, sarà lo stesso nome, ma io Federico Clapis sento di conoscerlo da una vita.
Arrivato al citofono, inizio a fissarlo spasmodicamente alla ricerca di un indizio.
Dì la verità: speravi di veder scritto Clapis? Sto cazzo!”.

Continua a leggere

Maryna, diventare una webstar quasi per caso

Il mondo delle webstar è in continua espansione e il numero di persone che segue queste vere e proprie “celebrità” della rete aumenta giorno dopo giorno. In tanti, grazie al web, hanno avuto modo di esporsi e di mettere in mostra le proprie capacità, alcuni di loro sono arrivati a ottenere risultati eccezionali e a crearsi il proprio pubblico di affezionatissimi. Continua a leggere

Max Sardella, calciatori e social network: la comunicazione 3.0

“Imparerete ad assaporare parole e linguaggio. Qualunque cosa si dica in giro, parole e idee possono cambiare il mondo”. Era il 1989 e il professore John Keating, interpretato da un indimenticabile Robin Williams, nel film “L’attimo fuggente”, parlava così alla propria classe del collegio maschile di Welton, intimando ai ragazzi di “cogliere l’attimo” e di non sprecare nessuna occasione valida per rendere straordinaria la propria vita. Continua a leggere