Antonio Razzi, faccio lu fess’ per nun fa la guerra

Ospite abituale nei talk show pomeridiani e serali, bersaglio di giornalisti a caccia dell’errore grammaticale facile, intrattenitore in radio o cantante su Youtube. L’abbiamo visto in mille salse e forse ne siamo anche assuefatti al punto da non farci neanche più caso. Eppure Antonio Razzi, 68 anni, senatore della Repubblica Italiana, abruzzese DOC con il pallino della Svizzera, non è solo questo.

Continua a leggere

Lorenzo De Silvestri, l’importanza di allenare corpo e mente

Nato a Roma, classe 1988, Lorenzo De Silvestri è senza alcuna ombra di dubbio uno dei terzini italiani più forti degli ultimi anni. Cresciuto nella Romulea, squadra del quartiere San Giovanni della capitale, passa giovanissimo alla Lazio, sua squadra del cuore, dove milita nel settore giovanile fino all’esordio in prima squadra, il 23 luglio 2005, in Intertoto contro il Tampere United a soli 17 anni. Continua a leggere

Jeffrey Jey, viaggio nel mondo degli Eiffel 65

A volte il caso gioca un ruolo fondamentale nelle nostre vite. Talvolta sono delle piccole coincidenze a cambiare il corso degli eventi e portare a risultati inaspettati e dirompenti. In questa storia sono state proprio una serie di coincidenze a portare alla luce i frutti del grande lavoro di tre talenti che, nel ritrovarsi a lavorare insieme quasi per caso, hanno dato vita a qualcosa di unico nel suo genere. Continua a leggere

Cambio Passo, quando i cittadini accolgono i migranti

Questa storia parte da Milano, esattamente dal quartiere di Porta Venezia, anche se le radici dei suoi protagonisti hanno origini ben più lontane. Siamo nel maggio 2013. Passando per il quartiere si possono vedere migranti, eritrei e non, che a ogni ora del giorno sono fuori all’aperto, in attesa. C’è chi passeggia senza una meta, chi resta seduto, chi si sdraia sui gradoni di una chiesa, aspettando che venga distribuito un piatto caldo. Continua a leggere

Tiziano Bonini, il mondo della radio tra passato e presente

La radio è sempre stata una delle realtà per me più affascinanti. Riuscire a intrattenere un pubblico, con il solo uso della voce, e coinvolgerlo con racconti e storie è una delle arti più complesse e ammirevoli. La magia della radio, a volte, quasi ci fa dimenticare che dietro a quella voce esistono persone in carne ed ossa che lavorano, con impegno, per proporre contenuti di ogni sorta. Continua a leggere

Bertram Niessen, come mangiare oggi con la cultura?

“Per quanto in modo distorto e difficile, in Italia un po’ di soldi continuano a girare sulla cultura, però è anche vero che finiscono spesso nei posti sbagliati; se pensi al settore dei beni culturali, finiscono molto spesso in progetti di conservazione del patrimonio, ma molto meno spesso in progetti di valorizzazione. Continua a leggere