About

The Twig Magazine è un media digitale semplice, dinamico e innovativo. Nato il 1 Ottobre 2015 con l’obiettivo di mettersi dalla parte dell’informazione, raccontando la realtà attraverso le persone e le loro esperienze, il magazine si propone di creare un network di storie, in cui l’utente possa navigare in modo fluido e intrigante.

 

Cosa facciamo?

Per iniziare abbiamo deciso di individuare tre persone che avessero una storia interessante alle proprie spalle. Per garantire una differenziazione di contenuti, abbiamo quindi cercato di contattare personaggi che provenissero da ambienti differenti. Ognuno di questi costituisce il punto di partenza di tre rami principali (Twig1, Twig2 e Twig3). A partire da questi, grazie all’azione degli intervistati stessi, prenderà forma il nostro network, fatto di intrecci di storie ed esperienze. Al termine di ogni chiacchierata, infatti, chiederemo ad ogni personaggio di fornirci 3 Twig.

 

Cosa sono i Twig?

I Twig sono lo strumento che utilizzeremo per fare in modo che il nostro network possa prendere vita. Questi saranno delle vere e proprie nomination, fatte dall’intervistato, per sottoporre alla nostra attenzione delle storie curiose e/o interessanti che vuole segnalarci. In questo modo saranno gli intervistati stessi a condurre il gioco e a rendere ogni nuovo intreccio sempre imprevedibile e mai banale. Tutti i Twig verranno registrati nella Twigboard.

 

Cos’è la Twigboard?

La Twigboard è l’albero digitale che raggrupperà tutti i Twig. Un esclusivo elenco grafico degli intervistati che verrà aggiornato volta per volta e che offrirà all’utente la possibilità di navigare tra le interviste, scoprendo gli intrecci e i rapporti che intercorrono tra le singole persone intervistate.

 

Perché Twig?

Twig è un concetto che abbiamo preso in prestito dal vocabolario anglofono. Se nella sua accezione principale, Twig significa “ramo”, è nello slang che il termine incarna perfettamente lo spirito del magazine. “Capire” e “scoprire” sono solo alcuni dei significati con cui viene utilizzata la parola e che rispecchiano pienamente l’obiettivo del progetto. Saranno quindi questi rami, alimentati di volta in volta dagli intervistati, ad aiutarci a indagare la realtà e a scoprire il mondo che ci circonda.

 

Cos’è Outwig?

Per non perderci nulla, recentemente abbiamo creato Outwig, la sezione del magazine che ci permette di raccontare storie di persone che non ci sono state segnalate dai nostri intervistati. Outwig è anche uno spazio dedicato alla promozione di attività commerciali e/o artistiche di chi si rivolge a noi. Il tutto senza mai perdere il nostro stile o tradire il nostro format.

 

Chi siamo?

Il progetto di The Twig Magazine nasce dalla mente creativa di alcuni ragazzi, che, seduti al tavolo di un bar, hanno deciso di intraprendere una nuova avventura editoriale. Figli, ciascuno, dei propri studi e delle proprie esperienze professionali, abbiamo deciso di lanciarci sul web con questa idea fresca e innovativa. Il nostro obiettivo è quello di creare un vero e proprio portale di storie, in cui il lettore possa perdersi nella curiosità delle voci e dei volti dei nostri intervistati, scoprendo, click dopo click, i lati più nascosti, interessanti e avvincenti delle loro esperienze.

 


Federico Ciapparoni
Head of content

Mattia Marcon
Web Developer

Lorenzo Sdraffa
Graphic Designer

Collaboratori


Federica Colli Vignarelli

Author

Partners

Le foto presenti su The Twig Magazine sono state in larga parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione (redazione@thetwigmagazine.com), che provvederà alla rimozione delle immagini utilizzate.

 

The Twig Magazine non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità regolare. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 07 marzo 2001.